Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Sezione per parlare delle nostre esperienze da uomini sotto la media estetica, e ricevere consigli e conforto
rossoneroforever
Amante dei viaggi in Svizzera con Marco
Reactions:
Posts: 6347
Joined: 14 Aug 2018 16:35

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by rossoneroforever » 26 Jan 2020 01:50

Mocio-Man wrote:
26 Jan 2020 01:45
Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 01:20


Crudo come tu cita Leopardi e Schopenhauer e neanche abbia cagato di striscio il mio discorso dell' altro thread sulle differenze sociali di Aristotele.

Contava solo citare autori moderni per essere considerati degni di considerazione.
In realtà conta solo citare autori non ancora nati per essere all'avanguardia :))

No comunque in realtà il link su Aristotele l'ho letto, non ho risposto perché giustamente possiamo, come dici, considerare interessato qualsiasi rapporto, compreso quello in cui si ricerca la piacevolezza della compagnia dell'altro, però boh secondo me non è sullo stesso piano di quando l'interesse si basa sulla mera convenienza materiale, ok sarà "interessata" anche l'amicizia basata sulla ricerca di compagnia, ma in modo molto meno squallido e avvilente (e il thread era sul fatto che per un deforme miliardiario ciò sia utopia). Poi sono punti di vista.
E' un cope mostruoso quello di big jim.
Anche il rapporto della nonna verso il nipotino a sto punto è interessato,la mantiene giovane e si preoccupa di qualcuno che perpetui la discendenza.

Poi ci sono gli sfigati che scopano solo pay e ti dicono che tanto una donna la paghi comunque. Sono cope mostruose,evoluzioni al limite dell'impossibile per formulare tesi in cui si cerca affannosamente di dimostrare che siamo tutti nella stessa merda. Eh no,non è così,un uomo e una donna da 7 che si amano vivono il sogno. Adesso arriva qualcuno con l'ennesimo cope mostruoso "ci si innamora solo dello ossa",attendiamo al varco.

User avatar
Damned
Corpo donato a Mike Mew
Reactions:
Posts: 5317
Joined: 14 Aug 2018 21:09

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Damned » 26 Jan 2020 01:54

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 01:50
Adesso arriva qualcuno con l'ennesimo cope mostruoso "ci si innamora solo dello ossa",attendiamo al varco.
Dal vangelo secondo Johnny Red :)) :))
https://ilforumdeibrutti.forumfree.it/?t=68963804
Hate keeps a man alive; it gives him strength.

Stafilococco
Principe dei retrusi
Reactions:
Posts: 2532
Joined: 14 Aug 2018 13:49

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Stafilococco » 26 Jan 2020 01:57

Dipende se hai l'abilità di sbattertene il cazzo delle cose, non ti puoi permettere l'orgoglio, insomma se sei un tipo che non si offende mai, che non prova invidia o gelosia allora si, ce ne sono tantissimi di tipi così e sono sempre abbastanza felici.

User avatar
Teomondo Scrofalo
Garzone nella bottega del Marianetti
Reactions:
Posts: 4365
Joined: 05 Sep 2018 17:53

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Teomondo Scrofalo » 26 Jan 2020 02:02

Mocio-Man wrote:
26 Jan 2020 01:45
Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 01:20


Crudo come tu cita Leopardi e Schopenhauer e neanche abbia cagato di striscio il mio discorso dell' altro thread sulle differenze sociali di Aristotele.

Contava solo citare autori moderni per essere considerati degni di considerazione.
In realtà conta solo citare autori non ancora nati per essere all'avanguardia :))

No comunque in realtà il link su Aristotele l'ho letto, non ho risposto perché giustamente possiamo, come dici, considerare interessato qualsiasi rapporto, compreso quello in cui si ricerca la piacevolezza della compagnia dell'altro, però boh secondo me non è sullo stesso piano di quando l'interesse si basa sulla mera convenienza materiale, ok sarà "interessata" anche l'amicizia basata sulla ricerca di compagnia, ma in modo molto meno squallido e avvilente (e il thread era sul fatto che per un deforme miliardiario ciò sia utopia). Poi sono punti di vista.
Mi fa piacere questa tua risposta, ma alla fine come hai ben capito ogni rapporto è basati su base egoistica.
Quindi ricollegandomi al discorso parallelo dei soldi, non sarebbe molto diverso dal "cercare qualcuno per disperazione dalla solitudine".
Senz'altro avendo i soldi, si saprebbe la ragione reale per cui ci sarebbe quell' agglomerato di gente a circondare il riccone.

Triste da dirsi ma solo in quel caso si saprebbe davvero la dinamica dei rapporti sociali.
Image

User avatar
Mocio-Man
Ragazzo illuso da Brotzu
Reactions:
Posts: 3295
Joined: 14 Aug 2018 14:02
Location: accasciato in cameretta

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Mocio-Man » 26 Jan 2020 02:02

L'Eremita wrote:
26 Jan 2020 01:46
rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 01:38

Perchè appunto come dici,non esisterebbe nessuna noia e nessuna privazione,in quanto sono entrambi concetti legati alla percezione e quindi all'esistenza.
Si, però, nel momento in cui prendiamo vita, questi concetti si palesano. Il valere o no la pena vivere, a questo punto, dovrebbe esser valido solo per una possibile futura esistenza. In quel caso allora, dico che no, non conviene venire al mondo. Al contrario però, se si nasce, tanto vale portare a termine la vita. Ormai il patatrac è stato fatto.
Se non l'hai già letto ti consiglio questo libro, fa un discorso molto simile. In pratica sostiene che non si dovrebbero più fare figli in quanto nessuna vita sarebbe degna di iniziare (perché chi non nasce non subisce alcun danno dalla sua non-esistenza non potendo rimpiangere i momenti positivi che avrebbe vissuto, mentre chiunque nasce, financo i più fortunati, subiranno perlomeno qualche danno vivendo dei momenti negativi), ma alcune di quelle già iniziate possono essere degne di continuare (il che rimanda all'argomento del thread).


https://books.google.it/books/about/Meg ... edir_esc=y
SARÀ PER UN'ALTRA VITA

User avatar
Teomondo Scrofalo
Garzone nella bottega del Marianetti
Reactions:
Posts: 4365
Joined: 05 Sep 2018 17:53

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Teomondo Scrofalo » 26 Jan 2020 02:06

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 01:50
Mocio-Man wrote:
26 Jan 2020 01:45


In realtà conta solo citare autori non ancora nati per essere all'avanguardia :))

No comunque in realtà il link su Aristotele l'ho letto, non ho risposto perché giustamente possiamo, come dici, considerare interessato qualsiasi rapporto, compreso quello in cui si ricerca la piacevolezza della compagnia dell'altro, però boh secondo me non è sullo stesso piano di quando l'interesse si basa sulla mera convenienza materiale, ok sarà "interessata" anche l'amicizia basata sulla ricerca di compagnia, ma in modo molto meno squallido e avvilente (e il thread era sul fatto che per un deforme miliardiario ciò sia utopia). Poi sono punti di vista.
E' un cope mostruoso quello di big jim.
Anche il rapporto della nonna verso il nipotino a sto punto è interessato,la mantiene giovane e si preoccupa di qualcuno che perpetui la discendenza.

Poi ci sono gli sfigati che scopano solo pay e ti dicono che tanto una donna la paghi comunque. Sono cope mostruose,evoluzioni al limite dell'impossibile per formulare tesi in cui si cerca affannosamente di dimostrare che siamo tutti nella stessa merda. Eh no,non è così,un uomo e una donna da 7 che si amano vivono il sogno. Adesso arriva qualcuno con l'ennesimo cope mostruoso "ci si innamora solo dello ossa",attendiamo al varco.
Guarda che quello che tu chiami COPE, io lo chiamo come cultura.
Tu ad esempio, sommo addetto al call center, sapevi del paragone sociale di Aristotele? No? Ti invito ad istruiti, solo allora potrai parlare con me di filosofia (materia che ho scelto come extra all' università).

Ma meglio parlare a vanvera nelle pianure del pavese che informarti e parlare come cittadini metropolitani...

PS mi meraviglio del like di Mocio a rossonero che parla di cope inesistenti, molto deludente visto che si parlava di filosofia concreta e da retta a un mentecatto. Molto deludente per uno laureato nella facoltà di lettere e filosofia.
Image

rossoneroforever
Amante dei viaggi in Svizzera con Marco
Reactions:
Posts: 6347
Joined: 14 Aug 2018 16:35

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by rossoneroforever » 26 Jan 2020 02:17

Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 02:06


Guarda che quello che tu chiami COPE, io lo chiamo come cultura.
Tu ad esempio, sommo addetto al call center, sapevi del paragone sociale di Aristotele? No? Ti invito ad istruiti, solo allora potrai parlare con me di filosofia (materia che ho scelto come extra all' università).

Lo conoscevo.

User avatar
Mocio-Man
Ragazzo illuso da Brotzu
Reactions:
Posts: 3295
Joined: 14 Aug 2018 14:02
Location: accasciato in cameretta

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Mocio-Man » 26 Jan 2020 02:20

Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 02:06
rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 01:50

E' un cope mostruoso quello di big jim.
Anche il rapporto della nonna verso il nipotino a sto punto è interessato,la mantiene giovane e si preoccupa di qualcuno che perpetui la discendenza.

Poi ci sono gli sfigati che scopano solo pay e ti dicono che tanto una donna la paghi comunque. Sono cope mostruose,evoluzioni al limite dell'impossibile per formulare tesi in cui si cerca affannosamente di dimostrare che siamo tutti nella stessa merda. Eh no,non è così,un uomo e una donna da 7 che si amano vivono il sogno. Adesso arriva qualcuno con l'ennesimo cope mostruoso "ci si innamora solo dello ossa",attendiamo al varco.
Guarda che quello che tu chiami COPE, io lo chiamo come cultura.
Tu ad esempio, sommo addetto al call center, sapevi del paragone sociale di Aristotele? No? Ti invito ad istruiti, solo allora potrai parlare con me di filosofia (materia che ho scelto come extra all' università).

Ma meglio parlare a vanvera nelle pianure del pavese che informarti e parlare come cittadini metropolitani...

PS mi meraviglio del like di Mocio a rossonero che parla di cope inesistenti, molto deludente visto che si parlava di filosofia concreta e da retta a un mentecatto. Molto deludente per uno laureato nella facoltà di lettere e filosofia.
Ma il discorso di Aristotele in astratto ci può stare, però sì, trovo che sia cope usarlo per dimostrare che un deforme coi miliardi possa fare una buona vita perché "tanto anche gli altri vivono rapporti interessati", come ho detto anche prima trovo che non sia nemmeno lontanamente la stessa cosa tra uno che ti si avvicina solo perché hai i soldi e uno che trova piacevole la tua compagnia, ok sarà "interesse" anche il secondo filosoficamente parlando, ma il primo rapporto è di una tristezza assurda mentre il secondo è bello e appagante.
Poi se ci sbagliamo e il tuo non è cope ma saresti realmente contento in quella condizione, che dire, te la auguriamo (ma anche no che poi ci ripensi :)) )
SARÀ PER UN'ALTRA VITA

User avatar
Teomondo Scrofalo
Garzone nella bottega del Marianetti
Reactions:
Posts: 4365
Joined: 05 Sep 2018 17:53

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Teomondo Scrofalo » 26 Jan 2020 02:23

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 02:17
Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 02:06


Guarda che quello che tu chiami COPE, io lo chiamo come cultura.
Tu ad esempio, sommo addetto al call center, sapevi del paragone sociale di Aristotele? No? Ti invito ad istruiti, solo allora potrai parlare con me di filosofia (materia che ho scelto come extra all' università).

Lo conoscevo.
Mi sembra molto strano, se neanche Mocio lo sapeva pur essendo laureato in quel ramo, ma facciamo finta che ti credo. Voglio essere buono questa notte.
Image

rossoneroforever
Amante dei viaggi in Svizzera con Marco
Reactions:
Posts: 6347
Joined: 14 Aug 2018 16:35

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by rossoneroforever » 26 Jan 2020 02:24

Mocio-Man wrote:
26 Jan 2020 02:20
Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 02:06


Guarda che quello che tu chiami COPE, io lo chiamo come cultura.
Tu ad esempio, sommo addetto al call center, sapevi del paragone sociale di Aristotele? No? Ti invito ad istruiti, solo allora potrai parlare con me di filosofia (materia che ho scelto come extra all' università).

Ma meglio parlare a vanvera nelle pianure del pavese che informarti e parlare come cittadini metropolitani...

PS mi meraviglio del like di Mocio a rossonero che parla di cope inesistenti, molto deludente visto che si parlava di filosofia concreta e da retta a un mentecatto. Molto deludente per uno laureato nella facoltà di lettere e filosofia.
Ma il discorso di Aristotele in astratto ci può stare, però sì, trovo che sia cope usarlo per dimostrare che un deforme coi miliardi possa fare una buona vita perché "tanto anche gli altri vivono rapporti interessati", come ho detto anche prima trovo che non sia nemmeno lontanamente la stessa cosa tra uno che ti si avvicina solo perché hai i soldi e uno che trova piacevole la tua compagnia, ok sarà "interesse" anche il secondo filosoficamente parlando, ma il primo rapporto è di una tristezza assurda mentre il secondo è bello e appagante.
Poi se ci sbagliamo e il tuo non è cope ma saresti realmente contento in quella condizione, che dire, te la auguriamo (ma anche no che poi ci ripensi :)) )
Filosoficamente ha senso pure fare un ragionamento sul fatto che esistiamo o meno,per poi arrivare alla conclusione che se stiamo facendo tale ragionamento,stiamo pensando,ragion per la quale significa che esistiamo. Insomma,non è che questi filosofi fossero proprio sani di mente ;-).

rossoneroforever
Amante dei viaggi in Svizzera con Marco
Reactions:
Posts: 6347
Joined: 14 Aug 2018 16:35

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by rossoneroforever » 26 Jan 2020 02:25

Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 02:23
rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 02:17

Lo conoscevo.
Mi sembra molto strano, se neanche Mocio lo sapeva pur essendo laureato in quel ramo, ma facciamo finta che ti credo. Voglio essere buono questa notte.
Me la ricordavo dal liceo.

User avatar
Teomondo Scrofalo
Garzone nella bottega del Marianetti
Reactions:
Posts: 4365
Joined: 05 Sep 2018 17:53

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Teomondo Scrofalo » 26 Jan 2020 02:34

Mocio-Man wrote:
26 Jan 2020 02:20
Teomondo Scrofalo wrote:
26 Jan 2020 02:06


Guarda che quello che tu chiami COPE, io lo chiamo come cultura.
Tu ad esempio, sommo addetto al call center, sapevi del paragone sociale di Aristotele? No? Ti invito ad istruiti, solo allora potrai parlare con me di filosofia (materia che ho scelto come extra all' università).

Ma meglio parlare a vanvera nelle pianure del pavese che informarti e parlare come cittadini metropolitani...

PS mi meraviglio del like di Mocio a rossonero che parla di cope inesistenti, molto deludente visto che si parlava di filosofia concreta e da retta a un mentecatto. Molto deludente per uno laureato nella facoltà di lettere e filosofia.
Ma il discorso di Aristotele in astratto ci può stare, però sì, trovo che sia cope usarlo per dimostrare che un deforme coi miliardi possa fare una buona vita perché "tanto anche gli altri vivono rapporti interessati", come ho detto anche prima trovo che non sia nemmeno lontanamente la stessa cosa tra uno che ti si avvicina solo perché hai i soldi e uno che trova piacevole la tua compagnia, ok sarà "interesse" anche il secondo filosoficamente parlando, ma il primo rapporto è di una tristezza assurda mentre il secondo è bello e appagante.
Poi se ci sbagliamo e il tuo non è cope ma saresti realmente contento in quella condizione, che dire, te la auguriamo (ma anche no che poi ci ripensi :)) )
È qui che sbagli, la mia non sarebbe allegria del saper di essere usato per i soldi e la ricchezza, il mio sarebbe assoluto cinismo sapendo già in precedenza quel che mi aspetterebbe.
Una volta dichiarato che si tratterebbe di bieco cinismo, si potrebbe poi giocare alla Gaudentiana maniera e far finta di dipendere dal prossimo (quanto invece è il prossimo a dover dipendere da te).

Purtroppo la vita intera é fatta da una semplice cosa: COMPROMESSI.
Che differenza c' è tra una donna che sceglie di figliare con te o una che opta per il lavoro fisso? Semplicemente compresso, una mette in atto quello per cui la natura l' ha generata (ovvero procreare) stando a casa ad occuparsi della casa e dei figli, l' altra invece perde parte della propria vita lavorando (ovvero compromesso portato dal salario = lavoro x ore di lavoro).

È triste da dirsi, ma ogni cosa in questo mondo é basato sul compromesso.
Dalla mucca che mangiando il fieno, dona il latte all' allevatore, l' allevatore vende il latte all' ente per un prezzo concordato, l' ente lo rivende alla multinazionale e via dicendo fino al consumatore, compromesso chiamato Prezzo finale.
Questo semplicemente basandoti sull' esempio base del latte, figurati sul resto.
Image

Nena
Ragazzo deluso dal minoxidil
Reactions:
Posts: 7026
Joined: 14 Aug 2018 14:07
Location: Ano di Daniela

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Nena » 26 Jan 2020 02:54

Ne vale la pena in senso assoluto è un concetto un pò difficile anche solo da formulare secondo me.
Forse conviene più fare una considerazione cercando di capire se il medioman, dal proprio punto di vista, è soddisfatto della propria vita e non ha particolare risentimento verso essa.
La risposta secondo me è che tendenzialmente lo è, almeno buona parte dei medioman.

L'uomo per natura ha un meccanismo che lo porta ad accontentarsi, a tirare fuori il buono da quello che ha e ad autovalorizzarsi spesso anche sulla base del nulla.
La maggior parte della gente non ha proprio interesse genuino nel confronti con gli altri o di fare altri ragionamenti esistenziali autocritici, prendono col sorriso quello che hanno anche se magari visti da fuori hanno pochissimo rispetto ad altri.
Senza contare che il lato sessuale non è centrale in tutte le vite, il medioman di solito si accontenta e poi si realizza e riempie la propria vita con altri aspetti, non gliene frega un cazzo che i belli chiavano le belle fighe come ordinare pizze etc
C'è veramente chi è arrivato vergine a 24 anni per mettersi con una cessetta ed è soddisfatto di quello che ha e non sente nessun peso particolare.
Poi va be tra i medioman c'è pure chi vive una situazione considerabile decente anche vista da fuori, mi sembra un grosso azzardo dire che oggettivamente ed in senso assoluto la vita del medioman non vale la pena di essere vissuta.
(io sono il primo che in parte lo pensa, ma sò che è un mio pensiero e basta).
Conta solo la gatto genetica con la faccia larga e naso corto

ALTRI 55 ANNI SENZA GATTO GENETICA, AVANTI CON CORAGGIO

User avatar
re innocuo78
Bisognoso di LeFort 3
Reactions:
Posts: 9560
Joined: 14 Aug 2018 14:47

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by re innocuo78 » 26 Jan 2020 03:28

a me quello che realmente pesa nella condizione umana,sono le cose che devi fare per sopravvivere.
il pensiero di dovere per tutta la vita mangiare,respirare,cacare,dormire ecc.. mi mette angoscia.
che senso ha un'esistenza che ha bisogno di fare cose perennemente per esistere?

rossoneroforever
Amante dei viaggi in Svizzera con Marco
Reactions:
Posts: 6347
Joined: 14 Aug 2018 16:35

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by rossoneroforever » 26 Jan 2020 03:31

re innocuo78 wrote:
26 Jan 2020 03:28
a me quello che realmente pesa nella condizione umana,sono le cose che devi fare per sopravvivere.
il pensiero di dovere per tutta la vita mangiare,respirare,cacare,dormire ecc.. mi mette angoscia.
che senso ha un'esistenza che ha bisogno di fare cose perennemente per esistere?
Non capisco cosa vuoi dire. Di respirare nemmeno te ne accorgi e gli altri atti che hai elencato,in una persona sana, sono piaceri.

User avatar
re innocuo78
Bisognoso di LeFort 3
Reactions:
Posts: 9560
Joined: 14 Aug 2018 14:47

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by re innocuo78 » 26 Jan 2020 03:34

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 03:31
re innocuo78 wrote:
26 Jan 2020 03:28
a me quello che realmente pesa nella condizione umana,sono le cose che devi fare per sopravvivere.
il pensiero di dovere per tutta la vita mangiare,respirare,cacare,dormire ecc.. mi mette angoscia.
che senso ha un'esistenza che ha bisogno di fare cose perennemente per esistere?
Non capisco cosa vuoi dire. Di respirare nemmeno te ne accorgi e gli altri atti che hai elencato,in una persona sana, sono piaceri.
invece per me il pensiero di essere "costretto" a fare queste cose per esistere,pesa molto.
forse sono malato vero.

rossoneroforever
Amante dei viaggi in Svizzera con Marco
Reactions:
Posts: 6347
Joined: 14 Aug 2018 16:35

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by rossoneroforever » 26 Jan 2020 03:57

re innocuo78 wrote:
26 Jan 2020 03:34
rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 03:31

Non capisco cosa vuoi dire. Di respirare nemmeno te ne accorgi e gli altri atti che hai elencato,in una persona sana, sono piaceri.
invece per me il pensiero di essere "costretto" a fare queste cose per esistere,pesa molto.
forse sono malato vero.
Se non stai scherzando, direi che sei fuori di testa.

User avatar
re innocuo78
Bisognoso di LeFort 3
Reactions:
Posts: 9560
Joined: 14 Aug 2018 14:47

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by re innocuo78 » 26 Jan 2020 04:00

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 03:57
re innocuo78 wrote:
26 Jan 2020 03:34


invece per me il pensiero di essere "costretto" a fare queste cose per esistere,pesa molto.
forse sono malato vero.
Se non stai scherzando, direi che sei fuori di testa.
non scherzo purtroppo.

User avatar
Gaudente
Principe dei retrusi
Reactions:
Posts: 2477
Joined: 14 Aug 2018 18:21

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by Gaudente » 26 Jan 2020 05:06

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 01:50
Poi ci sono gli sfigati che scopano solo pay e ti dicono che tanto una donna la paghi comunque.
:pepe:

User avatar
johnny-red
Garzone nella bottega del Marianetti
Reactions:
Posts: 4707
Joined: 18 Aug 2018 14:54

Re: Vivere da medioman. Ne vale la pena?

Post by johnny-red » 26 Jan 2020 11:00

rossoneroforever wrote:
26 Jan 2020 01:50
Mocio-Man wrote:
26 Jan 2020 01:45


In realtà conta solo citare autori non ancora nati per essere all'avanguardia :))

No comunque in realtà il link su Aristotele l'ho letto, non ho risposto perché giustamente possiamo, come dici, considerare interessato qualsiasi rapporto, compreso quello in cui si ricerca la piacevolezza della compagnia dell'altro, però boh secondo me non è sullo stesso piano di quando l'interesse si basa sulla mera convenienza materiale, ok sarà "interessata" anche l'amicizia basata sulla ricerca di compagnia, ma in modo molto meno squallido e avvilente (e il thread era sul fatto che per un deforme miliardiario ciò sia utopia). Poi sono punti di vista.
E' un cope mostruoso quello di big jim.
Anche il rapporto della nonna verso il nipotino a sto punto è interessato,la mantiene giovane e si preoccupa di qualcuno che perpetui la discendenza.

Poi ci sono gli sfigati che scopano solo pay e ti dicono che tanto una donna la paghi comunque. Sono cope mostruose,evoluzioni al limite dell'impossibile per formulare tesi in cui si cerca affannosamente di dimostrare che siamo tutti nella stessa merda. Eh no,non è così,un uomo e una donna da 7 che si amano vivono il sogno. Adesso arriva qualcuno con l'ennesimo cope mostruoso "ci si innamora solo dello ossa",attendiamo al varco.
quello non è un cope, quella è verità inconfutabile, cinica per carità e che molti negano per il politically correct, ma questo è un altro discorso; semmai fanno coping quelli che pensano che l'amore sia quello del dolce stil novo e non dettato da rigidi parametri materialisti basati sul livello LMS

Post Reply